GLI ARTISTI

PIETRO SANGUANINI

Nasce nel Settembre del '74 a Mantova dove vive e lavora. Si diploma all'Istituto Statale d'Arte Giulio Romano di Mantova nella sezione di Architettura e Arredamento. Frequenta l'Accademia di Belle Arti Gian Bettino Cignaroli di Verona laureandosi in pittura con la tesi dal titolo "Il prelievo dell'oggetto in Arte". Segue un corso di specializzazione post-laurea e ottiene il titolo di Tecnico esperto in catalogazione di edifici monumentali SIRBEC come storico dell'Arte.

Gli viene commissionato dalla Provincia di Mantova l'incarico di catalogare le opere presenti nei plessi scolastici di proprietà dell'ente. Nel 2004 la Camera del Lavoro di Mantova gli affida il progetto di creare il proprio Archivio storico fotografico. Nello stesso anno cura la mostra dedicata alla raccolta "Oltre la parola – 1945/1975 trent'anni di fotografie che la Camera del Lavoro Territoriale di Mantova ha fatto a se stessa". Nel 2006, in occasione delle Celebrazioni per il Centenario della CGIL cura la mostra "art.1" al Palazzo della Ragione di Mantova. Ancora al Palazzo della Ragione nel 2017, sempre per la CGIL, collabora alla cura della mostra "Artiste al Lavoro – Il Lavoro delle Donne". Collabora con il gruppo N'uovo Spazio Creativo per la creazione di eventi, mostre, istallazioni artistiche, progetti culturali. La passione per l'Arte lo ha sempre spinto ad una costante produzione di opere che rimangono ancora inedite.

SARA CIMAROSTI

Nasce a Mantova nel 1973. Dopo il diploma all'Istituto d'arte si trasferisce a Urbino, dove studia all'ISIA progettazione visiva, grafica editoriale e fotografia. Dopo alcune esperienze in altre città italiane e un piccolo periodo passato in Germania, si stabilisce a Bologna dove tuttora vive, da oltre vent'anni.

Per alcuni anni, con lo di pseudonimo di Violetta Testacalda progetta e realizza animali e personaggi tridimensionali, costruendo i modelli, cucendo e dipingendo il tessuto, ambientandoli spesso in diorami di legno, carta, rami e altri materiali. Collabora con negozi e spazi culturali esponendo e vendendo i propri pezzi.

Parallelamente lavora come visual designer e illustratrice all'interno di agenzie di comunicazione (per il teatro, nel settore design, alimentare biologico e apicoltura, per il mercato vinicolo e della distillazione) e in seguito come libera professionista collaborando con case editrici, agenzie e aziende, con piccole etichette musicali in Italia e all'estero. Realizza grafiche e artwork di copertina per dischi, sempre con un'attenzione particolare all'illustrazione, da sempre l'elemento perno che accompagna quasi tutto il lavoro di Sara.

ELEONORA CUMER

Nasce a Bolzano nel 1956, dove tuttora vive e lavora. Si occupa di arte e nello specifico di libri d'artista, installazioni ed illustrazione. Tiene laboratori e workshop d'artista presso musei d'arte contemporanea ed enti vari. I suoi libri d'artista si trovano in collezioni private e presso enti pubblici, mentre gli albi illustrati sono pubblicati in Italia ed all'estero.

Ha partecipato a numerose mostre nazionali ed internazionali, tra le quali: Biennale del libro d'Artista di Cassino, Biennale del libro d'artista di Napoli, "Artbooks in Archivio" durante Artelibro di Bologna, "Libro de artista y de la pequenas ediciones" Barcellona, Libri dai libri Schio, Belgrado e Vicenza, Biennale di arte e design di Padova, Délires de livres, MAXXI, Roma.

Tra i premi assegnati il Premio Stupor Sensibile (Libri mai mai visti), il Premio Libcomelibrarsi (Libri fatti a mano) e Best International Apps & E–Books (Kirkus Reviews).

Ultime mostre
2020
Life, live 2020 – Antonella Cattani Contemporary Art, Bolzano – collettiva
Omaggio a Maria Lai – libri tattili e opere in braille – MAXXI, Roma – collettiva

2019
Rigorosamente libri – Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, Foggia – collettiva
Doppio senso – Galleria d'arte Tour de Babel, Parigi – collettiva
Sulla soglia – Galleria Cartavetra, Firenze – personale
L'arte tra le pagine – Spazio Artebambini, Bologna

2018
3.festival libro d'artista e design/libro oggetto Biblioteca Nazionale Braidense, Milano – collettiva
Acinque – Oratorio San Mercurio, Palermo – collettiva
Doppio senso – Galleria Libri Liberi, Firenze – collettiva
Délires de livres – Galerie “A l'Ecu de France”, Viroflay/FR – collettiva
Libri d'artista – Galleria Cartavetra, Firenze
Libri d'artista – Galleria Sinopia, Roma – personale

VALENTINA SFORZINI

Sono nata a Mantova nel 1985. Ho frequentato il liceo scientifico e poi la facoltà di Architettura al Politecnico di Milano. Ho sempre avuto passione per lo studio e la ricerca, nel tempo sono arrivata alla conclusione che sia l'Arte la più diretta indagine sulla natura umana. Ho così trasformato la mia attività di pittrice nel mio più grande obiettivo.

Fondamentale per me è stato l'incontro formativo con due grandi artisti contemporanei, Antonio López García e Nicolas Uribe, che mi hanno iniziata al mistero dell'Arte e mi hanno regalato una visione preziosa della pittura. Grazie al premio assegnatomi da Antonio López e Andres Ibañez, nel 2017 un mio dipinto è stato acquisito dal Museo Casa Ibañez (Almeria, Spagna). Ho avuto la possibilità di esporre il mio lavoro in due mostre personali. "Amori possibili" all'interno dell'ex studio Piero Manzoni a cura di Pier Luigi Buglioni, Milano, 2017; "Materia" nel Castello Scaligero di Villimpenta a cura di Chiara Tranquillità, Lisa Valli e Michela Zurla, Mantova, 2018.

La mia prima esperienza con la pittura è stata tra le più interessanti ed è stata la pittura di strada. A partire dal 1992 ho preso parte al concorso per artisti Madonnari che si svolge a Grazie di Curtatone (MN). Nel 2000 ho vinto la medaglia d'oro in questo stesso concorso e ho poi cominciato a partecipare a festival ed eventi di arte di strada in tutto il mondo. Olanda, Francia, Germania, Danimarca, Svezia, Malta, Messico e Stati Uniti sono tra i paesi che mi hanno ospitata come artista Madonnara. Per più di 25 anni sono stata a contatto con un tipo di arte popolare che ho praticato in mezzo alle persone, ho conosciuto artisti dalle peculiarità più disparate, da tutti loro ho appreso qualcosa.

Vivo e lavoro a Mantova, dove dipingo e insegno.

ANDREA SAVAZZI

Nato a Casalmaggiore (CR) nel 1974, Andrea Savazzi ha conseguito il diploma di maturità in Arti Grafiche, presso l'Istituto d'Arte "P.Toschi" di Parma. Nel corso degli anni sviluppa una pittura radicata sullo studio delle tecniche pittoriche del passato. Attualmente vive a Martignana di Po (CR).

Ha tenuto alcune mostre personali: Galleria Studio Rossetti di Genova, Torrazzo Gonzaghesco di Commessaggio (MN), Palazzo Ducale di Sabbioneta (MN), Chiesa Castello di San Martino (MN), Spazio Mariconda di Mantova, sede Confartigianato di Parma, MuVi di Viadana (MN).

Molte mostre collettive, tra cui: Palazzo Reale di Milano, Bunker di Villa Caldogno (VI), Centro Candiani di Mestre, Villa Giordani Quinto di Treviso, Arte Genova Fiera, Margutta Home di Roma, Fortezza da Basso di Firenze, Ex lanificio Ferrarin di Thiene (VI), Galleria Studio Rossetti di Genova, Complesso Monumentale del Broletto di Novara, Palazzo Collegio Raffaello di Urbino, galleria Lazzaro di Milano, Casa del Mantegna di Mantova, Palazzo Ducale di Mantova, villa Bagatti Valsecchi di Varedo (MB), Chiostro della Madonna dell'Orto di Venezia, Casa dell'Architettura di Roma, Museo della Permanente di Milano.

Si segnalano inoltre alcuni premi: "Premio città di Quinto" al Venicelands Art Prize, Premio speciale della giuria EneganArt, 1° classificato alla XXIX Biennale d'Arte di Trivero (BI), 2° classificato al 16° Premio Arte Novara, 1° classificato al 29° premio Rivarolo Mantovano, opera premiata al Premio Marchionni, opera premiata a Expo Arte Italiana, 1° classificato al premio internazionale Gambino, premio sponsor AXA Italia al Talent Prize, due volte finalista al Premio Arte Mondadori, 2° classificato al Premio Cascella.

FEDERICO BASSI

Federico Bassi è nato nel 1977 a Mantova, città nella quale ha conseguito il diploma all'Istituto Statale d'Arte e dove vive e lavora. Nel tempo, ha accostato alla pittura esperienze come scenografo, attore, performer e, negli ultimi anni, come illustratore.
Nel 2012, infatti, inizia a lavorare al progetto OMINETTI, personaggi da lui creati che molto spesso, in chiave ironica, vengono accostati a dei giochi di parole, calembour.
Ad oggi, questi personaggi, sono entrati a far parte di collezioni private, protagonisti di numerose esposizioni, anche a livello nazionale e sono diventati "mascotte" di alcune aziende locali.

MARTA LONARDI

Marta nasce a Mantova nel 1993 e dopo il liceo artistico, si sposta in Finlandia per iniziare gli studi universitari di comunicazione e progettazione visiva ad Urbino, dove frequenta l'Isia. Inizia a lavorare nel campo dell'illustrazione per studi, associazioni e privati del territorio mantovano come Agape, Slow Food Mantova e Mantova Creativa. Studia alla scuola di specializzazione di Arte Terapia a Bologna, dove scopre e affina tecniche per dar vita alle immagini attraverso la relazione con l'Altro. Collabora con i reparti di neuropsichiatria infantile di Bologna per poi dedicarsi alla conduzione di atelier artistici presso la Cooperativa Bucaneve di Castel Goffredo.
Crede profondamente nella forza dell'arte: dal 2017 espone le sue opere personali in diverse mostre e gallerie e dal 2019 fa parte del Collettivo artistico LAN-DE-Sì, con il quale ha realizzato le scenografie e il video animato dello spettacolo per bambini "Tra (me) - Storie orfane in cerca di voce". Marta continua la sua ricerca artistica in un percorso personale ma anche sociale, collettivo, di scambi e relazioni.

CLAUDIA MELEGARI

Claudia Melegari si laurea in pittura all'Accademia delle Belle Arti di Milano, vive e lavora a Casatico di Marcaria. All'attivo ha numerose mostre personali e collettive. Di volta in volta sceglie le tecniche più affini ai progetti che sta sviluppando. La pittura rimane il mezzo che le consente di calarsi più in profondità: mentre una sfumatura può richiedere presenza e attenzione, in altri momenti la pittura attiva processi che sono fuori controllo. Il dipinto può pertanto diventare portatore di realtà trascendenti, indefinite, lontane da qualsiasi premeditazione. L'artista distilla i sogni in immagini, affidandosi a quel senso d'incertezza che le permette di sviluppare un'affinità con il senso delle cose. Affiora sulla tela un'insospettabile estraneità dal suo mondo che trasfigura le percezioni della vita ordinaria, volgendo lo sguardo oltre il visibile.

GIULIA FLAVIA BACZYNSKI

Giulia Flavia Baczynski nasce a Verona nel 1982 e si laurea in Architettura al Politecnico di Milano. Inizia il suo percorso fotografico durante gli anni universitari interessandosi alla rappresentazione dello spazio che l'uomo genera e nel quale vive. Nei primi anni della sua attività si occupa di fotografia di architettura per associazioni culturali, docenti universitari, studi di architettura e riviste. Approfondisce il concetto di spazio nelle sue varie declinazioni (da fenomeno concreto e tangibile a spazio concettuale), che diventa il nucleo della sua ricerca. Dal 2014 inizia ad intersecare la fotografia con la pratica del modello. Ha all'attivo numerose pubblicazioni e ha esposto in mostre collettive e personali in Italia e all'estero tra cui Fotografia Europea, Sifest, Festival di Fotografia Contemporanea di Gonzaga, Fotoleggendo, Premio Francesco Fabbri.

Ten è una delle azioni del progetto Creative Lab Reloaded ideato da Pantacon relativo alla proposta progettuale Coprogettazione di iniziative di animazione culturale, supporto alla creatività giovanile e gestione dello spazio Creative Lab Lunetta sostenuta da Comune di Mantova e Fondazione Cariplo.